Leon show: la SIR batte Padova 3-0 a colpi di ace

Tre punti pesantissimi per la Sir Perugia che al PalaBarton batte Padova 3-0, controllando bene i primi due parziali e rendendosi protagonista di una grande rimonta nel terzo set, trascinata da un’incontebnibile Leon, mattatore di giornata con 21 punti, 6 ace, il 58% in attacco e un muro, eletto all’unanimità MVP del match. La squadra di Bernardi chiude una brevissima partita (appena un’ora e 20 minuti di gioco) con 9 ace, 5 muri e il 60% in attacco di squadra. 

Padova arrivava al PalaBarton sull’onda dell’entusiasmo dopo la schiacciante vittoria nel derby casalingo contro Verona e si dimostra avversario temibile fin dalle prime battute, come è stato confermato dall’avvio di gara con un clamoroso punto a punto portato avanti fino all’11-11. E’ la mano di Luciano De Cecco ad interrompere l’equilibrio per la prima volta dall’inizio della partita, seguito da un attacco out dei veneti sulla parallela (13-11). Punto di Cirovic e servizio a rete per Torres e la Sir è a +2. Momenti di discussione e tensione in campo per un fallo di rotazione fischiato alla Sir che passa da 14-12 a 13-12. I Block Devils reagiscono con determinazione e spingono avanti, aggrinzando gli attacchi dei ragazzi di Baldovin, e arrivano al +4 sul 23-19. A questo punto Torres al servizio sembra aver fatto ace, ma Bernardi chiama il videoceck che dà ragione al tecnico bianconero: la palla è out e la Sir è al set point. Chiusura in bellezza firmata da Filippo Lanza con un ace. (25-19). 

Equilibrato anche l’avvio del secondo set con l’attacco di Louati e l’intesa perfetta De Cecco-Atanasijevic che segna il 2-2, poi Leòn sale in cattedra con due ace consecutivi di cui il secondo a 131 km/h. Filippo Lanza in crescita costante spinge avanti in suoi con lucidità e la Sir conduce in scioltezza facendo scaldare il pubblico con le diagonali potentissime di Leòn che nel rush finale del set mette a segno anche il muro del 23-15 dopo il maniout di Atanasijevic e il muro di Fabio Ricci. E’ il numero 2 bianconero a chiudere il secondo set 25-18.

Punto a punto anche all’inizio del terzo parziale, fino al break di Padova che mette la freccia con due muri consecutivi sull’attacco di Atanasijevic prima e di Leòn poi. Il primo tempo di Alberto Polo mantiene avanti i suoi, ma Leòn spara la sua solita diagonale a missile (11-11), poi in battuta manda out e Padova ne approfitta per infilare un nuovo break grazie ad altri due muri consecutivi di Louati sull’attacco di “Magnum”. La diagonale di Torres porta la Kioene a +3 (12-15) e i veneti mantengono le distanze con un muro sull’attacco di Leòn e con la complicità di alcune imprecisioni in difesa dei bianconeri (13-18). Dore della Lunga entrato in battuta trova la rete, stessa sorte tocca al francese Louati e Padova resta avanti a +4 (15-9). Atanasijevic frena la rincorsa degli avversari, ma Baldovin chiama subito il time out e al rientro in campo i suoi vanno ancora a segno. Attacco out di Burnes, e punto di Leòn e la Sir recupera lo svantaggio: Baldovin chiama un atro time out, ma questa volta al rientro in campo Atanasijevic fa ace e si riporta a contatto (19-20). Scambio lunghissimo chiuso da una diagonale apocalittica di Leòn che va a segno anche dai nove metri, come confermato dal videoceck chiesto dal primo arbitro dopo il suo servizio (21-21). Lo schiacciatore cubano è inarrestabile e infila altri due ace consecutivi guidando la squadra verso la fine della partita (23-21), poi con una pipe conquista il match point. Chiude Lanza 25-22.

Elena Ballarani



  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
Canale 12
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx