• go
    Due ore di gioco e una partita intensa, combattuta e a tratti spettacolare, con numerosi scambi lunghi che hanno reso il match tra Perugia e Milano davvero avvincente. I padroni di casa si impongono 3-1 (25-18, 23-25, 25-16, 25-21) conquistando tre punti di importanza fondamentale per consolidare la vetta della classifica in vista degli ultimi tre match del girone di ritorno. 
    Buona prestazione in attacco di squadra per i ragazzi di Vital Heynen che hanno chiuso con il 51%, bene anche al servizio con 4 ace, ma questa sera la Sir si è imposta soprattutto a muro (ben 13 i block vincenti per i Block Devils che hanno arginato gli attacchi dei meneghini con solidità).
    Travica quando i palloni si facevano "Bollenti", si è affidato a Leòn e lo schiacciatore cubano ha sfoderato una prestazione superlativa chiudendo con 27 punti, 3 muri, 2 ace e un 49% in attacco.

Spettacolo al PalaBarton! La Sir “mura” Milano e consolida la vetta

Due ore di gioco e una partita intensa, combattuta e a tratti spettacolare, con numerosi scambi lunghi che hanno reso il match tra Perugia e Milano davvero avvincente. I padroni di casa si impongono 3-1 (25-18, 23-25, 25-16, 25-21) conquistando tre punti di importanza fondamentale per consolidare la vetta della classifica in vista degli ultimi tre match del girone di ritorno. 
Buona prestazione in attacco di squadra per i ragazzi di Vital Heynen che hanno chiuso con il 51%, bene anche al servizio con 4 ace, ma questa sera la Sir si è imposta soprattutto a muro (ben 13 i block vincenti per i Block Devils che hanno arginato gli attacchi dei meneghini con solidità).
Travica quando i palloni si facevano "Bollenti", si è affidato a Leòn e lo schiacciatore cubano ha sfoderato una prestazione superlativa chiudendo con 27 punti, 3 muri, 2 ace e un 49% in attacco. 


Avanti Milano di due lunghezze in avvio del match con l’attacco out di Ricci e l’ace di Daldello. Perugia aggancia con Leòn che va a segno prima in diagonale poi a muro. Ed è ancora un block vincente a porre fine allo scambio lungo del 4-3. Ter Horst consolida con un maniout e un muro. Milano si riporta a contatto con l’attacco di Hishikawa e la diagonale out di Leòn. La pipe di Urnaut tiene i meneghini a -1 (8-7). La cannonata di Leòn su Patry ribadisce il vantaggio bianconero, ma c’è il primo tempo di Kozamernic a insidiare i padroni di casa e Milano profitta per pareggiare di nuovo (11-11). Fabio Ricci dal centro, ancora un muro e ancora Leòn: Perugia torna a +3 (14–11). Urnaut interrompe la rincorsa bianconera, ma c’è ter Horst che va a segno lungo linea. Solè trova il maniout e poi chiude lo scambio lunghissimo del 17-13, dopo un provvidenziale recupero di massimo Colaci. 

Piazza chiama il time out e al rientro in campo il muro di Travica su attacco di Hishikawa fa volare i Block Devils che con le “bombe” di Leòn arrivano a +5. Solè consolida 20-14 e lo schiacciatore cubano sigilla con un ace a 121 km/h (21-14). Ancora un muro vincente sull’attacco di Urnaut e Perugia sia vicina al finale del set. La battuta out di Daldello porta la Sir al set point. Basic nega ai padroni di casa il primo tentativo di chiudere il set che termina 25-18. 

L’attacco vincente di Urnaut apre il secondo parziale, risponde ter Horst con un maniout. Spettacolo nello scambio del 1-3, con il contrattacco di Milano che ha la meglio. Travica arma Plotnytskyi che da seconda linea non sbaglia. Il muro sull’attacco di ter Horst porta l’Allianz aventi 2-5. Leòn dai nove metri trova la rete, ma Plotnytskyi a tutto braccio riduce lo svantaggio, ma Patry trova l’attacco vincente (5-7). Ottima intesa Travica-Plotnytskyi che va a segno, ma dai nove metri trova la rete (6-9), a questo punto il regista bianconero si affida a Leòn che prima va a segno con un attacco potentissimo e poi con un pallonetto vincente (8-9). Patry gioca d’astuzia e sorprende Travica e il muro di Milano argina due volte l’attacco di Leòn (9-11). Plotnytskyi riporta i suoi a contatto, ma l’opposto Patry trova il varco e mantiene le distanze, ma Dragan Travica con l’aiuto del nastro firma l’ace del pareggio (13-13). Ter Horst mantiene l’equilibrio, ma Milano trova il break point e Heynen chiama il time out. L’attacco out di Leòn porta la squadra di Piazza a +3, ma Perugia inverte la rotta con ter Horst. Patry con due attacchi vincenti conquista 4 lunghezze di vantaggio (16-20). Quando i palloni scottano Leòn sale in cattedra, e dimezza lo svantaggio con un attacco e un ace (18-20). Matteo Piano frena il recupero dei padroni di casa, che vanno a segno due volte con Plotnytskyi (20-22), ma si lasciano sorprendere dall’attacco del centrale meneghino (20-23). Ancora Leòn protagonista sul finale con una pipe e un maniout che riportano i suoi a contatto nella fase più calda (22-23). Kozamernic trova il set point, Travica si affida a Leòn che non sbaglia ma l’attacco di Urnaut chiude il set 23-25. 

Il primo tempo di Fabio Ricci apre il terzo set, Leòn firma il 2-1, l’attacco di Urnaut non passa e il primo tempio di Solè è vincente (5-2). Maar gioca sulle mani del muro di Leòn, ma Hishikawa dai nove metri non ne approfitta. Errore al servizio anche per lo schiacciatore cubano, ma Perugia allunga e Travica porta i suoi in doppia cifra con un attacco a tutto braccio (10-5). Milano perde la bussola e coach Piazza chiama il time out. I padroni di casa avanzano in scioltezza, trascinati da un Leòn in gran de spolvero, Urnaut sorprende Colaci e i meneghini conquistano il break point con l’attacco di Hishikawa, Ter Horst chiude lo scambio spettacolare del 14-8 dopo un recupero al limite dell’impossibile di Plotnytskyi (14-8). Milano recupera punto su punto e dimezza lo svantaggio con Hishikawa, ma i padroni di casa si tengono avanti arginando gli attacchi lombardi con la forza del muro e l’errore in attacco di Urnaut segna un solco (21-14). Stephen Maar accorcia, ma il set è ormai segnato: Daldello dai nove metri spara out e un altro errore in attacco di Urnaut porta i Block Devils al set ball. Chiude Ter Horst al termine dell’ennesimo scambio lungo (25-16). 

Un punto a testa in avvio del quarto set, ter Horst allunga 2-1. Primo tempo vincente di Fabio Ricci e attacco da seconda linea di Maar (3-3). Breakpoint Perugia con il tocco di Leòn che chiude anche lo scambio del 7-4 dopo una gran difesa di Massimo Colaci. Plotnytskyi porta i suoi a +4 giocando lungo la parallela sulle mani del muro. Il Block vincente dei padroni di casa sull’attacco di Urnaut segna +5 per i padroni di casa (10-5). Milano conquista il break point accorciando le distanze (10-7), ma Perugia resta avanti e il fallo fischiato sul secondo tocco ai meneghini segna 13-9. Un fallo anche in casa bianconera, ma i padroni di casa avanzano a grandi passi con il maniout di Fabio Ricci, l’attacco di Ter Horst e il muro di Solè (16-10). 

Milano reagisce con la pie di Maar, Plotnytskyi risponde con la stessa moneta. Leòn trascina i suoi verso il finale del match, ma gli ospiti si riportano a -3 (18-15). Travica serve Plotnytskyi che trova l’attacco vincente e Zimmerman firma con un ace il 20-15. Il servizio out di Matteo Staforini aggiunge un punto al forziere bianconero, ma la squadra di Piazza non molla  e il muro sull’attacco di ter Horst tiene ancora vivo il match. E’ proprio l’attacco dell’opposto olandese, seguito dall’attacco di Leòn che trafigge le mani del muro avversario a segnare Loke battute finali della partita. Il primo tempo di Fabio Ricci sigla il match point. Chiude la diagonale di Leòn 25-21. 

  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
Canale 12
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx