Sir Perugia, punto a punto al cardiopalma: la SUPERCOPPA è dei Block Devils!

La Supercoppa torna a Perugia! E’ la Sir a conquistare il primo trofeo della stagione al termine di 5 set combattutissimi, due ore e 22 minuti di gioco e un punto a punto al cardiopalma per larghi tratti del match. Una vittoria ottenuta contro una Modena schiacciasassi, capace di frenare gli attacchi dei Block Devils con continuità (12 muri vincenti e un 60% in attacco di squadra al termine del match), con uno “Zar”che ha trascinato i suoi mettendo a terra ben 30 palloni vincenti e Anderson che chiude la partita con 22 punti 76% in attacco. . Ma la Sir ha risposto con la forza del gruppo, trovando continuità al servizio (8 ace in 5 set) e mettendoci il cuore. Atanasijevic grande mattatore di serata con le sue diagonali e il suo spirito di motivatore di squadra nei momenti difficili. Wilfredo Leon MVP del trofeo, con 21 punti totali e due muri. 

E’ subito punto a punto in avvio del match, un paio di servizi sbagliati da entrambe le parti, Zaytsev gioca con le mani del muro di Leòn, la Sir risponde con il primo tempo di Ricci e la diagonale di Lanza che piega le mani del muro emiliano. Bene anche Podrascanin, muro di Christenson e attacco di Atanasijevic ed è ancora parità (7-7). Modena allunga di due punti complice l’attacco out di Magnum lungo la parallela, ma Perugia recupera e aggancia con l’ace di Leòn (10-10). Mila Christenson con un tocco d’astuzia tiene il set in equilibrio, Bednorz incrementa con un servizio vincente, ma lo schiacciatore cubano di casa Sir rimette di nuovo i conti in paro con una pipe potente. Nuovo allungo della squadra di Giani con il maniout dello Zar e il muro vincente di Mazzone su attacco di Leòn, ma Fabio Ricci inverte la rotta trovando l’angolino giusto sul campo avversario. Nella fase più calda del set Atanasijevic riporta i suoi a contatto con un maniout sulla parallela, poi pareggia i conti con un servizio vincente che costringe Giani a chiamare il time out. Al rientro in. Campo è Anderson a trovare l’attacco vincente, ma Max Holt in battuta non ne approfitta (22-22). Coach Heynen schiera Russo al servizio e l’attacco vincente è di Mazzone. Modena conquista il set point, ma Leòn allunga il set ai vantaggi con un maniout. Risponde lo zar con un attacco fulmineo che sorprende massimo Colaci (24-25). De Cecco si affida ad Atanasijevic ed è ancora parità. In battuta c’è Leòn che infila due ace consecutivi e chiude i conti. 

Il muro bianconero contrassegna l’avvio del secondo set, Modena avanza di due lunghezze, ma la Sir aggancia con Filippo Lanza e sorpassa con l’invasione degli emiliani. Ancora intesa perfetta De Cecco - Atanasijevic, ma Leòn dai nuove metri questa volta non ne approfitta e il suo servizio è abbondantemente out. Lo Zar mantiene l’equilibrio e il muro vincente di Bednorz sull’attacco di Leòn scrive 10-10. Modena sorpassa con un nuovo muro ancora sull’attacco del martello cubano, e Zaytsev trova il break allungando 10-12: Atanasijevic risponde con la stessa moneta e poi pareggia i conti con un muro perentorio (13-13). Punto a punto nella fase centrale del set: a segno Lanza, risponde Zaytsev e Modena trova il break con Anderson. Mazzone incrementa il vantaggio, ma Atanasijevic infila la diagonale perfetta e riduce. Ancora Mazzone a segno, ma dall’altra parte della rete entra Plotnytskyi che trova il maniout e tiene in vita il set. Perugia torna in partita con l’attacco di Leòn. Modena trova un allungo importante con l’ace di Ivan Zaytsev (20-23), ma non chiude subito: prima subisce la rimonta dei bianconeri che con “Magnum” si riportano a contatto, poi dopo il time out di Giani agguantano il secondo set 23-25. 

Spettacolare punto a punto anche in avvio del terzo set, colpo a colpo Zaytsev- Lanza, a segno Podrascanin, Atanasijevic trova il maniout, risponde Anderson, Leòn trova il tocco vincente, risponde Mazzone e si va avanti in parità fino al 9-9. E’ Modena a trovare il break con l’ace di Anderson, ma Perugia aggancia con il tap in di Ricci, Errori al servizio da entrambe le parti e il  punto a punto continua, fino a quando “The King” sale in cattedra e la Sir centra il break con un ace (20-17). Modena c’è e recupera punto su punto: il muro emiliano su attacco di Filippo Lanza segna la parità 21-21. Sul finale a segno dai nove metri Atanasijevic: il suo ace è pesantissimo dopo il servizio out di Zaytsev, confermato dal videoceck chiesto da Giani (23-21). Bednorz dai nove metri manda a rete e la Sir è al set point. Lanza non ne approfitta al servizio e spara out, ma Leòn chiude 25-23. 

Modena non può più sbagliare e con Zaytsev al servizio avanza di 4 lunghezze in avvio del quarto set, con il muro vincente di Bednorz sull’attacco di Atanasijevic. E’ lo stesso opposto serbo a far scaldare i sirmaniaci, in presenza massiccia al l’EurosuoleForum quando chiude uno scambio lunghissimo che accorcia le distanze. Il muro di De Cecco rimette i conti in pari, Modena avanza di nuovo di tre lunghezze, con l’ace di Max Holt, seguito dal muro out di Perugia. I campioni in carica allungano in maniera importante fino al +6, con l’ace di Anderson. L’attacco altissimo di Leòn che finisce out segna un pericoloso spartiacque per la Sir che si ritrova sotto di otto lunghezze (17-9) e sembra aver perso lucidità, recupera e si riporta a -4, ma Modena trascina il match al tiè break chiudendo 18-25.

Zaytsev manda il servizio out, Leòn firma l’ace e la Sir allunga 3-1 con il primo tempo di Ricci. Lo Zar infila la diagonale vincente, ma risponde Podrascanin in primo tempo. Punto a punto con la diagonale di Lanza e l’inversione di rotta arriva con il muro di Bednorz su attacco di Atanasijevic, seguito dall’ace di Anderson che segna +2 per Modena. Al cambio campo gli emiliani restano avanti di due lunghezze (6-8). 

Il muro di Leòn su attacco di Zaytsev segna una nuova parità. Controsorpasso Sir con l’ace di Leòn che centra un break pesantissimo (11-9). Anderson accorcia, ma arriva la standing ovation del pubblico al termine dello scambio lunghissimo chiuso da Atanasijevic che trascina i suoi ad un punto dalla coppa (14-11). E’ Marko Podrascanin a mettere a segno il punto decisivo: la Supercoppa è della SIR!

  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
Canale 12
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx
  • banner dx